Mappa dei ripetitori di telefonia mobile

Spot mai fatto dal ministero della salute per la prevenzione dei danni provocati dai telefoni cellulari. Poi c'è un altro aspetto da considerare: purtroppo nel , subito dopo che l'OMS aveva innalzato la pericolosità delle onde elettromagnetiche , il Decreto Sviluppo del governo Monti poi Legge art.

Come dire: di giorno sparo addosso alle scuole, ospedali, appartamenti e di notte, spengo tutto, e limiti sono comunque nella norma. Ferme restando, per quanto non espressamente disciplinato dal presente articolo, le vigenti le disposizioni contenute nel decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri in data 8 luglio , recante fissazione dei limiti di esposizione, dei valori di attenzione e degli obiettivi di qualità per la protezione della popolazione dalle esposizioni a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici generati a frequenze comprese tra kHz e GHz, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.

Tali valori devono essere rilevati ad un'altezza di m. I valori di cui al comma 10, lettera a del presente articolo, invece, devono essere rilevati ad un'altezza di m. Ai fini della verifica mediante determinazione del mancato superamento del valore di attenzione e dell'obiettivo di qualità si potrà anche fare riferimento, per l'identificazione dei valori mediati nell'arco delle 24 ore , a metodologie di estrapolazione basate sui dati tecnici e storici dell'impianto. Le tecniche di calcolo previsionale da adottare sono quelle indicate nella norma CEI o specifiche norme emanate successivamente dal CEI.

Ai fini della verifica attraverso stima previsionale del valore di attenzione e dell'obiettivo di qualità, le istanze previste dal decreto legislativo n.

Sfrutta tutto il potenziale di questo software di monitoraggio per cellulari

Tali dati dovranno rappresentare le reali condizioni di funzionamento degli impianti. Eventuali condizioni di funzionamento anomalo degli impianti dovranno essere tempestivamente segnalate agli organi di controllo e di vigilanza sanitaria e ambientale di cui all'articolo 14 della legge 22 febbraio , n. Tali Linee Guida potranno essere soggette ad aggiornamento con periodicità semestrale su indicazione del Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, che provvederà alla relativa approvazione.

Mi sono chiesto quali azioni intraprendere potessi mettere in atto per preservare la salute. La prima cosa che mi è venuta in mente è stata quella di verificare se in rete fosse presente qualche banca dati relativa alla presenza sul territorio delle antenne di telefonia: giusto per cominciare a studiare la grandezza del problema.

Ho iniziato quindi la ricerca sui siti Istituzionali , partendo ovviamente da Roma che, essendo la Capitale, dovrebbe avere già un piano antenne con relativa mappatura: invece nulla! Eppure esiste la delibera capitolina n.

Si sarebbero dovute attuare le seguenti azioni:. Quello che ho trovato invece sul sito del Comune è solo questo : la pagina degli avvisi installazione antenne e l' elenco degli avvisi passati. Allora ho proseguito la ricerca per scoprire se esisteva qualche mappa delle antenne di telefonia realizzata con gli Open Data , risultato: ho trovato questa mappa su datiopen. Purtroppo, visionando i dati relativi alla città di Roma ci si accorge subito che c'è qualcosa che non va. Il numero delle antenne è troppo basso rispetto al numero reale di impianti installati, è evidente.

Quindi anche in questo caso, nulla di fatto!

ARPA Lombardia - Agenzia Regionale per la Protezione dell'Ambiente

Poi ho trovato il sito inwit. Stavolta il numero mi sembra congruo. Certo che, trattandosi delle sole antenne TIM, se considerassimo anche quelle di tutti gli altri gestori, la cosa evidente e che balza subito all'occhio è la g ran quantità di elementi presenti : un numero davvero impressionante , non credi? Per conoscere la situazione della copertura del segnale, esiste anche questa mappa che trovi su opensignal. Per permetterti di studiare meglio i dati, ho provveduto ad inserire dei flitri , in modo da poter scegliere come visualizzare i dati in base all'anno, il municipio, ecc.

Mappa delle misure di campo elettromagnetico in alta frequenza della città di Roma dal al Se anche tu vuoi realizzare una mappa partendo da una tabella Excel, basta che selezioni tutta la tabella, copi i dati, ti rechi sul sito easymapmaker.

I nostri siti

Fatto questo, non ti resta che cliccare sul tasto per le impostazioni ed infine premere il pulsante " Crea Mappa ". Appassionato di informatica fin da giovanissimo ho iniziato a programmare da autodidatta. Da allora il mio entusiasmo e la mia curiosità non hanno fatto che aumentare View the discussion thread. Iscriviti alla newsletter per rimanere aggiornato. Search form Cerca. Elettromagnetismo e salute: guarda dove sono ubicate le antenne di telefonia nel tuo comune ed impara a realizzare una mappa fai-da-te partendo dagli Open Data in formato testuale In ogni città le antenne di telefonia nascono come funghi, ti spiego come realizzare una mappa partendo dagli Open Data del tuo comune LE CONDANNE Nel corso degli anni ci sono state alcune sentenze di condanna in cui, esperti chiamati a valutare i casi, hanno presentato prove scientifiche da cui si evince il nesso causale fra lunga esposizione ai campi elettromagnetici emanati dai dispositivi di telefonia e danni alla salute.

Elettromagnetismo e salute: guarda dove sono ubicate le antenne di telefonia nel tuo comune ed impara a realizzare una mappa fai-da-te partendo dagli Open Data in formato testuale antenne di telefonia a meno di mt dalla scuola Purtroppo, dal , ci sono ancora scuole con tralicci enormi nelle vicinanze a meno molto meno! Esistono studi indipendenti? Studi effettuati da aziende, enti, Stati, che non prendano finanziamenti da società di telefonia? Il grado di copertura di una determinata area inteso come qualità sia della trasmissione che della ricezione , oltre che dalla densità degli impianti presenti, dipende anche dalle caratteristiche tecniche delle antenne utilizzate.

Tali antenne emettono onde elettromagnetiche in un fascio di irradiazione molto stretto sul piano verticale che si estende invece orizzontalmente quasi parallelamente al terreno permettendo di raggiungere anche gli utenti lontani. I livelli di emissione di una SRB non sono comunque costanti, ma variano nel tempo in funzione della distanza dei terminali serviti e del numero di utenti del servizio tipicamente sono più bassi nelle ore notturne.

Descrizione

Alcuni gestori della telefonia mobile impiegano anche sistemi a rete di tipo Wireless sistemi Punto-Multipunto , e permettono una comunicazione a maggior capacità e velocità e sono costituiti da Master Station, posizionate in corrispondenza di SRB esistenti o in siti appositamente individuati ed in comunicazione con un certo numero di Terminal Station, assimilabili a ponti radio.

Oltre alle reti mobili ad uso pubblico, sul territorio esistono anche reti ad uso privato PMR , come quella interna di RFI Rete Ferroviaria Italiana, Gruppo FS , al servizio esclusivo dei dipendenti delle Ferrovie, che opera con una tecnologia particolare detta GSM-R - MHz ed è costituita da impianti installati per lo più a ridosso delle linee ferroviarie. Infine attualmente si stanno diffondendo sul territorio i sistemi DVB-H che collegano il mondo della telefonia mobile a quello della televisione digitale, instaurando nuove sinergie che si traducono in un ampliamento dei servizi offerti.

Ricerca libera Cerca.

tavola copertura ripetitori telefonia mobile | letpetenmypea.gq

Campi elettromagnetici. Temi ambientali. Arpae in regione. Arpae Emilia-Romagna.

Impianti per la telefonia mobile Stazioni radio base Le stazioni radio base SRB sono gli impianti della telefonia mobile che ricevono e ritrasmettono i segnali dei telefoni cellulari, consentendone il funzionamento. IVA Credits, note legali, privacy e cookie.